Sito_Stemma_Segariu

Segariu

Il nome del paese, attestato in documenti del 1180, significherebbe “tagliato dal fiume” (sega riu), ma si prospettano nuove ipotesi, secondo le quali suonerebbe come la “stretta valle del fiume” (s’ega de arriu).
Le origini del paese sono remote.
Nel ‘300 Segariu subisce un drammatico tracollo demografico e alla fine del ‘ 400 risulta quasi disabitato. Al periodo risalgono le rovine di un antico maniero Sa Moba ‘e Casteddu posto in cima ad un colle, di forma troncoconica, che s’innalza in prossimità dell’abitato.
L’attuale configurazione urbana, derivante da una delle non poche rifondazioni d’epoca spagnola in pieno ‘600, presenta il nucleo collocato tra il fiume e la linea ideale delle sorgenti, in un’ansa dello stesso corso d’acqua.

I beni culturali di maggior rilevanza sono:

  • Il nuraghe di Sant’Antonio, la cui area archeologica è stata oggetto di scavi dal 1994 al 2000.Si tratta di un impianto planimetrico quadrilobato con torre centrale e quattro torri esterne orientate ai punti cardinali.
  • La chiesa campestre tardo-romanica di Sant’Antonio risalente al XIII sec.La peculiarità della chiesetta è nell’”Ipogeo”, un condotto sotterraneo che conduce a un pozzo sacro.
  • La chiesa parrocchiale San Giorgio Martire, edificata verso il 1500. Il presbiterio ha la volta stellare tipica dello stile gotico-catalano, mentre il resto dell’edificio è di tipo rinascimentale. Peculiarità della chiesa sono una cappella dedicata a Sant’Antonio da Padova e un retablo policromo dedicato alla Madonna delle Grazie.

Gli eventi di maggior rilievo sono:

  • Festa di Sant’Antonio; sia a Giugno che a Settembre ricorrono i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio. Il simulacro del santo viene condotto in processione nella chiesetta campestre a lui dedicata.
    Durante i festeggiamenti vengono proposti per la degustazione prodotti e piatti tipici della tradizione locale.
  • Le vie del grano … segui la spiga; sagra che si svolge nel mese di ottobre con l’obiettivo di promuovere la produzione e il consumo del grano duro di Sardegna, quale volano per la ripresa socio-economica del territorio.

I soggetti di promozione turistica e culturale sono:

  • L’A.T. Proloco Segariu, con sede in via S. Michele ex spogliatoi del campo sportivo. L’associazione si occupa di sagre alimentari, corsi di recupero antichi mestieri, Promozione del turismo locale in collaborazione col Comune e la Provincia del Medio Campidano, Corsi e dimostrazione nelle sagre con antichi maestri Tebajus.
  • L’Associazione folkloristica e culturale San Giorgio di Segariu, con sede in via Baroni 19. Svolge un importante ruolo nell’ambito culturale e folcloristico locale, in quanto opera a tutela e salvaguardia del patrimonio culturale del nostro paese mantenendo vive le tradizioni e i costumi popolari.

___________________________________

Comune di Segariu
Via Municipio 11 – 09040
Telefono: 0709303901
Email: com.segariu@tiscali.it

Web: www.comune.segariu.ca.it
___________________________________

Queste pagine sono state realizzate con il contributo di ogni Comune e di ogni soggetto qui rappresentato (museo, struttura ricettiva, etc.), che ha fornito i relativi contenuti (testo ed immagini). Pertanto, ogni eventuale violazione di copyright deve essere considerata accidentale e non intenzionale. Per ogni segnalazione si rimanda al relativo Comune e/o al soggetto cui possa essere imputabile una qualsivoglia violazione.

Approfondisci su wikipedia

Associazioni e servizi

archivio fotografico

Gallery

Eventi

  • Sant'Antonio

    1 Giugno 2018
  • Le vie del grano...segui la spiga

    1 Ottobre 2018

Cosa vedere

Mangiare e dormire



Fondazione Barumini Sistema Cultura - Viale San Francesco 16, Barumini (VS) - Partita IVA 03074440920 Tutti i contenuti del sito sono protetti e tutelati dalle vigenti norme in materia di diritto d'autore. credits